skin

Il poker live in Texas è salvo fino a data da destinarsi

03 dicembre 2022 - 10:50

La Texas Card House di Dallas può rimanere aperta fino alla decisione del tribunale sulla controversia con l'amministrazione locale.

TChDallassitonuovo.jpeg

Finché la querelle giuridica non verrà risolta in tribunale i funzionari delle città del Texas non possono chiudere le sale da poker la cui legalità è stata messa in dubbio dopo il proliferare delle stesse. Lo ha stabilito un giudice di Dallas in merito al caso della Texas Card House di Dallas che, per ora, rimane aperta. Il suo futuro, però, è ancora incerto e sarà probabilmente deciso dalla Corte Suprema del Texas.  
Il mese scorso il giudice distrettuale della contea di Dallas, Eric Moye, ha stabilito che la città era giustificata nel revocare il permesso della Texas Card House e ha concordato che l'attività violava le leggi sul gioco d'azzardo del Texas.
Lunedì, però, ha detto che la città non può costringere il club a chiudere o interferire in altro modo con le sue operazioni fino a quando tale decisione non sarà confermata in appello. La questione dovrebbe arrivare fino alla Corte Suprema del Texas, un iter che potrebbe richiedere anni. Sembra di rivedere la storia dei club dal vivo di casa nostra.
 
Qual è il nocciolo della questione? I locali sostengono di essere club privati e quindi esenti da procedimenti giudiziari ai sensi del codice penale del Texas.
Il codice afferma: “È una difesa contro l'accusa [per gioco d'azzardo]” se “l'attore impegnato nel gioco d'azzardo [è] in un luogo privato; nessuno ha ricevuto alcun beneficio economico diverso dalle vincite personali; [e] fatta eccezione per il vantaggio dell'abilità o della fortuna, i rischi di perdere e le possibilità di vincere erano gli stessi per tutti.
I locali sostengono di non trarre profitto dal gioco d'azzardo perché non prendono una rake dal piatto, come farebbe un casinò. Invece, fanno pagare i clienti a ore per essere presenti al club.

I contestatori di questo format affermano che il carveout era destinato a giochi privati in residenze private e non a imprese commerciali.
Nel frattempo, il rappresentante di stato Gene Wu (D-Houston) sta cercando una soluzione al problema. Un disegno di legge che ha presentato la scorsa settimana modificherebbe il termine "luogo privato" in "residenza privata". Il legislatore ha dichiarato questa settimana al Dallas Observer che parte del disegno di legge è stata omessa per un "errore di archiviazione".
Wu afferma che il testo completo consentirebbe ai club di poker commerciali di rimanere aperti a condizione che siano autorizzati e regolamentati dalle contee in cui si trovano.

Intanto continua il Purgatorio estenuante per la Texas Card House visto che i funzionari locali inizialmente erano d'accordo con la loro poker room, per poi cambiare improvvisamente idea. 
Il proprietario del club, Ryan Crow, ha stipulato un contratto di locazione nel dicembre 2019 e ha ottenuto la certificazione rilasciata dalla città nell'ottobre 2020. Nel gennaio 2022, ha ricevuto improvvisamente l'avviso che stava "tenendo un luogo di gioco d'azzardo" e avrebbe dovuto chiudere. Il permesso del club è stato revocato solo 15 mesi dopo essere stato approvato.

Altri articoli su

Articoli correlati