Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Manovra 2020 e decreto fiscale, tra le misure spunta proroga per le Awpr

  • Scritto da Mc

Mef al lavoro sulla Manovra 2020 e il Dl fiscale, tra le novità la proroga dell'arrivo della Awp da remoto e l'utilizzo di agenti sotto copertura.

Lavori in corso, al ministero dell'Economia e delle Finanze, in vista della presentazione in consiglio dei ministri della manovra per il 2020 e del decreto fiscale collegato. Tra le altre misure che quest'ultimo dovrebbe contenere, secondo quanto appreso da Gioconews.it, c'è anche la proroga dell'entrata in vigore delle cosiddette Awpr, vale a dire gli apparecchi da intrattenimento che consentono il controllo da remoto.

Secondo quanto si legge nella bozza visionata, "Fermo restando quanto previsto dall’articolo 1, comma 1098, della legge 30 dicembre 2018, n. 145, all’articolo 1, comma 943, della legge 28 dicembre 2015, n. 208, come modificato dal citato comma 1098, le parole 'dopo il 31 dicembre 2019' sono sostituite dalle parole 'decorsi nove mesi dalla data di pubblicazione del decreto del Ministro dell’economia e delle finanze di cui all’articolo 1, comma 569, lettera b), della legge 30 dicembre 2018, n. 145' e le parole 'entro il 31 dicembre 2020' sono sostituite dalle parole 'entro i successivi dodici mesi'.

LA RELAZIONE TECNICO - ILLUSTRATIVA - La disposizione è naturaolmente accompagnato da una relazione tecnico – illustrativa che evidenzia che "L’immissione nel mercato della nuova tipologia di apparecchi -Awpr presuppone l’adozione di un decreto ministeriale contenente le regole tecniche di produzione, il cui iter (che prevede, tra l’altro, la notifica agli Organismi unionali ed un periodo minimo di stand still di 90 giorni dalla notifica) non si è ancora concluso. Si rende pertanto necessario posporre la data di entrata in funzione degli apparecchi con controllo del gioco da remoto fissando un termine che tiene conto della tempistica stimata per la produzione delle nuove macchine (7/8 mesi)". La norma proposta "fissa, quindi, al nono mese successivo alla data di pubblicazione del decreto ministeriale citato la data a partire dalla quale non sarà più possibile rilasciare nulla osta per gli apparecchi di “vecchia generazione” (Awp) e al dodicesimo mese successivo alla medesima data di pubblicazione il termine ultimo per la dismissione dei menzionati apparecchi Awp".

LE MISURE IN MANOVRA - Quanto al disegno di legge di bilancio, oltre alla proroga onerosa delle concessioni di bingo e scommesse, altra misura allo studio (l'obiettivo è di raccogliere dai 300 ai 500 milioni di euro) sono l'estensione) è di avviare la procedura per la gara delle nuove concessioni degli apparecchi, che scadrebbero a marzo del 2022, scrivendone le regole in maniera tale da poterlo avviare già dalla fine del 2021.
Stretta anche sul gioco illegale, attraverso l'introduzione dell'obbligo di iscrizione per tutti gli operatori del gioco al registro unico (e la relativa quota passerà da 150 a 200 euro). E ancora, si sta valutando di introdurre degli agenti sotto copertura nelle sale, così da verificare la presenza di minori e scovare eventuali operatori illegali. Come loro dotazione per giocare, 100mila euro, ma le eventuali vincite dovranno essere restituite allo Stato.

 

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.