Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Dl Semplificazioni: giochi, va avanti l'emendamento sull'innovazione

  • Scritto da Fm

Nel fascicolo degli emendamenti al Dl Semplificazioni segnalati c'è quello di D'Ettore sulla transizione digitale delle funzioni statali sui giochi pubblici, fuori quello di Ungaro.

Nuovo aggionamento sulle proposte emendative segnalate alla Camera nell'ambito della conversione in legge de Dl Semplificazioni e governance Pnnr (AC 3146).

Resta ammissibile l’emendamento 38.03 D’Ettore (CI) e identici (*38.08. Foti, 38.021. Cortelazzo, 38.022. D'Attis, 38.028. Sangregorio, Lupi, Colucci, Tondo)  che reca norme in materia di innovazione e di gestione della transizione digitale delle funzioni statali sui giochi pubblici.

Il testo prevede: “Dopo l'articolo 38, aggiungere il seguente:
Art. 38-bis.
(Norme in materia di innovazione e di gestione della transizione digitale delle funzioni statali sui giochi pubblici)
  1. Al fine di ottimizzarne la gestione, le funzioni statali in materia di organizzazione e gestione dei giochi numerici a quota fissa, dei giochi numerici a totalizzatore nazionale e del gioco del bingo, anche al fine di incentivare l'utilizzo delle tecnologie digitali, ferma restando l'erogazione in modalità fisica dei predetti giochi, sono riordinate con uno o più decreti del Direttore dell'Agenzia delle dogane e dei monopoli, da emanare sulla base dei seguenti criteri direttivi:
   a) individuazione delle misure necessarie per garantire la sostenibilità della rete di raccolta dei giochi e delle concessioni, anche in conseguenza della epidemia Covid-19;
   b) individuazione delle migliori modalità di innovazione e sviluppo tecnologici per garantire l'innovazione dei sistemi di raccolta e delle modalità di gioco, incentivando la diffusione del digitale, anche in relazione agli obiettivi stabiliti dal Piano nazionale di ripresa e resilienza.
  2. Alla data di entrata in vigore dei predetti decreti, sono da ritenersi abrogate le disposizioni normative incompatibili di cui ai decreti del Presidente della Repubblica 7 agosto 1990, n. 303, 16 settembre 1996, n. 560, 24 gennaio 2002, n. 33, 4 ottobre 2002, n. 240, ed al decreto del Ministro delle finanze del 31 gennaio 2000, n. 29”.
 
Dal fascicolo risulta che l’emendamento 43.03 Ungaro (IV) che prevede, dall’entrata in vigore del provvedimento e fino al 31 dicembre 2022, per i giochi numeri a quota fissa, i giochi numeri a totalizzatore nazionale e le scommesse su eventi sportivi l’avvio di una sperimentazione riguardante l’erogazione di ricevute di gioco dematerializzate, le cui modalità di attuazione sono definite da uno o più decreti da parte di Adm, precedentemente ritenuto ammissibile, non figura fra i segnalati. 
 
Share