Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Tronzano (Regione Piemonte): 'Slot non torneranno nei bar'

  • Scritto da Redazione

Rispondendo a due interrogazioni l'assessore piemontese Tronzano assicura che le slot dismesse per la legge del 2016 non torneranno nei bar, in arrivo emendamento della Giunta.


"Nei bar non torneranno le macchinette per il gioco, le poche richieste arrivate non saranno accettate. Chiariremo ulteriormente la volontà della Giunta con un emendamento specifico, dove chiederemo di non reinstallarle".

Parola di Andrea Tronzano, assessore al Bilancio del Piemonte, che così risponde ad un'interrogazione posta da Ivano Martinetti, consigliere regionale del Movimento 5 stelle, per conoscere quali azioni correttive la Giunta intendesse effettuare per impedire il ritorno delle slot machine nei bar, e ad una di Matteo Grimaldi (Liberi uguali verdi) per sapere se sia stato avviato un tempestivo confronto con l’Agenzia delle dogane e dei monopoli inmerito all’interpretazione della legge n.19/21 sul contrasto del gioco patologico.

L'affermazione di Tronzano sembra così mettere fine alle speranze accese nei gestori di apparecchi da gioco installati negli esercizi generalisti dalla nota con cui l'Agenzia delle dogane e dei monopoli aveva ritenuto "condivisibile l'interpretazione resa dallo studio legale Giacobbe che farebbe rientrare nella fattispecie di cui all'articolo 26, comma 2, della Legge regionale del Piemonte 15 luglio 2021, numero 19, quale 'autorizzazione rilasciata dall'Agenzia delle dogane e monopoli', il titolo abilitativo derivante dalla corretta iscrizione al cosiddetto Elenco Ries", facendo quindi supporre che anche "gli esercizi generalisti rientrino a pieno titolo nei soggetti che fanno facoltà di reinstallare gli apparecchi se iscritti al Ries ante legge 9/2016".

Il tutto anche se il termine per richiedere la reinstallazione degli apparecchi dismessi per effetto della previgente legge 9/2016 è scaduto il 31 dicembre 2021 e la norma non prevede ulteriori proroghe.

Secondo quanto affermato dall'assessore al Bilancio, quindi, gli unici a poter rimettere gli apparecchi saranno i bar tabacchi.
 
La risposta di Tronzano non può che incontrare i favori del pentastellato Martinetti. "L'esponente della Giunta Cirio ha inoltre evidenziato la necessità di intervenire, a breve, per mettere mano alla legge regionale sull'azzardo per scongiurare il ritorno delle 'macchinette' dei bar. Una notizia parzialmente positiva, dopo che l'Agenzia dei monopoli nei giorni scorsi aveva interpretato la norma regionale in maniera estensiva, prevedendo l'installazione di macchinette per il gioco anche negli esercizi non muniti di certificato di vendita di prodotti di monopolio (come appunto i bar).
La risposta di Tronzano lascia poco spazio a diverse interpretazioni, auspichiamo dunque che si faccia subito sintesi all'interno della maggioranza procedendo rapidamente con la modifica della legge regionale 19/2021. Una norma, ricordiamo, molto negativa che ha riportato il far west delle slot machine dopo gli ottimi risultati raggiunti con la precedente legge, approvata con importanti provvedimenti indicati dal Movimento 5 Stelle".
 
Share