Logo

Calvi (Lottomatica): "Stretta collaborazione con Adm e in caso di anomalia processo di verifica consolidato"

Roma - "Non si può parlare di scandalo alla prima sensazione, le evidenze vanno validate, a livello nazionale. Utilizziamo Sportradar e altre fonti come strumento di monitoraggio anche fuori dall’Italia: ė questo il sistema che funziona e bisogna sottolinearlo".

Lo ha sottolineato Ludovico Calvi, Head of betting Lottomatica, riferendosi alle notizie degli ultimi giorni su nuovi casi di match fixing.  "Da dieci anni è in corso un processo tra operatori e Monopoli che non ė valorizzato abbastanza. - ha chiarito Calvi nel corso della presentazione del progetto ‘Rugby: educazione e prevenzione contro il match fixing’, che si sta svolgendo a Roma - Ogni caso di anomalia lo comunichiamo ai Monopoli, attraverso un processo diversificato che coinvolge anche altri soggetti. L’Adm gestisce quattro miliardi di euro di gioco, 1,3 solo l’online, e ha tante indicazioni. Dunque il processo di verifica, in caso di anomalia, ė consolidato". "Successivamente - ha aggiunto- ci si muove, eventualmente, con Procura federale e sistema giudiziario. Nessuno in Europa ha sistema così consolidato. Il monitoraggio, anche dei clienti, ė fondamentale ed è necessario valorizzare questo tipo di lavoro, che avviene tutti i giorni da dieci anni".

 

© Copyright 2017 GiocoNews.it powered by GNMedia s.r.l. P.iva 01419700552. Tutti i diritti riservati.