Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Afragola, 48enne arrestato per scommesse irregolari con carte e documenti falsi

  • Scritto da Gt

Scommesse senza autorizzazione e senza Tulps con documenti e carte false, arrestato un 48enne di Afragola in Campania. 

Faceva scommettere gli utenti col suo conto ma era sprovvisto delle previste autorizzazioni del Tulps. E i carabinieri della stazione di Afragola in collaborazione con la Direzione Territoriale IX- Campania -Ufficio Antifrode e Controlli Adm, hanno arrestato anche per possesso di documenti di identità falsi, un 48enne del posto che era già noto alle forze dell’ordine.

L’irregolarità è stata scoperta in un’agenzia di scommesse a via Santa Maria nell’ambito della costante attività di analisi dei rischi per il gioco a distanza, svolta in coordinamento con la Direzione Giochi – Ufficio Controlli Giochi., ha disposto in data 15/09/2021 un controllo nel Comune di Afragola. Alla vista dei militari il gestore del punto gioco ha tentato di nascondere in un cassetto 2 carte di identità e una patente di guida e anche numerose carte di credito. I 3 documenti, poi sequestrati, sono risultati falsi. Da lì la constatazione della  violazione per raccolta fisica di scommesse in luogo non autorizzato, messa in atto mediante l’utilizzo del conto di gioco a distanza intestato al titolare dell’esercizio. Sono state rinvenute numerose stampe di promemoria di scommesse telematiche e relativa contabilità di gioco, con i nominativi di scommettitori e la messa a disposizione dei clienti del conto di gioco personale per l’effettuazione delle giocate.

A stabilirlo i funzionari dell’Agenzia delle Accise, Dogane e Monopoli (ADM) in servizio presso il presso l'Ufficio Antifrode e Controlli, congiuntamente alla Legione Carabinieri Campania- Comando Stazione di Afragola.
E’ stato effettuato il sequestro penale di tutto il materiale e della documentazione rinvenuta, con il deferimento del titolare dell’esercizio all’Autorità Giudiziaria che nell’immediatezza ne ha disposto gli arresti domiciliari.

Share