Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Eag Expo: al via la decima edizione della fiera dell’amusement

  • Scritto da Gt

Giornata inaugurale, oggi 15 gennaio, della decima edizione della fiera dell'amusement Eag Expo.

Londra - Ha aperto i battenti questa mattina, 15 gennaio, la decima edizione della fiera Eag & Vae Expo di Londra, la manifestazione di riferimento in Europa per l’industria dell’amusement.
Gli spettatori accorsi da ogni parte del Vecchio Continente (e non solo) vengono premiati con la visione in anteprima degli ultimi prodotti di oltre 200 aziende internazionali e alcune delle più promettenti opportunità di networking del settore, oltre al più ampio programma di seminari ed eventi di formazione mai realizzato prima nella storia dello show.

LA SODDISFAZIONE DI COOKE - L'organizzatore Karen Cooke è particolarmente orgogliosa del programma 2019 e afferma: "Lo spettacolo sarà caratterizzato da un ampio programma di seminari e opportunità educative, con una forte enfasi sulla responsabilità sociale, la tecnologia e la crescita del business. I seminari, organizzati o promossi da Bacta, sono gratuiti e si concentreranno sulle sfide e le opportunità del mondo reale che devono affrontare oggi gli operatori dell'industria del tempo libero”.

I SEMINARI - Il programma dei seminari sarà rilevante per gli investitori, i proprietari e i dirigenti di qualsiasi attività commerciale incentrata sull'intrattenimento e il tempo libero più in generale.

ITALIA SOTTO LA LENTE - Tra i seminari, come noto, ci sarà anche quello dedicato al caso italiano delle ticket redemption: o, meglio, al “grande errore italiano” relativo a queste ultime. Con un incontro dal titolo: “Amusement: the Italian mistake”, appunto. Il seminario è in programma alle 15.15 e vedrà intervenire il presidente della federazione europea Euromat, Jason Frost e il presidente dell’associazione italiana sarle giochi New Asgi, Vanni Ferro, in un dibattito moderato dal giornalista britannico David Snook, editorialista della testata InterGame.

Share