Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Lotteria nazionale belga: Cds accoglie ricorso Stanleybet, presentata denuncia a Antitrust

  • Scritto da Redazione

Il Consiglio di Stato, con la propria sentenza del 18 marzo 2014, ha accolto il ricorso Stanleybet annullando il decreto sulla lotteria belga che aveva introdotto la 35esima licenza. Secondo il Consiglio di Stato, infatti, "il Governo belga non aveva addotto alcun valido argomento a sostegno della supposta 'missione di servizio pubblico' che, secondo la Lotteria Nazionale, avrebbe dovuto giustificare la propria licenza 'automatica' a operare nel mercato delle scommesse da una posizione privilegiata", si legge in una nota del bookmaker.

 

Sennonché, la Lotteria Nazionale belga, già vedendosi soccombente durante la pendenza del procedimento, era riuscita nel frattempo ad acquistare una delle 34 licenze ordinarie – resasi opportunamente disponibile sul mercato secondario – per continuare a 'giocare' a carte vincenti anche in caso di cancellazione della 'trentacinquesima licenza'.

La filiale belga di Stanleybet e le associazioni di categoria dei bookmaker belgi, inoltre, hanno presentato una denuncia per abuso di posizione dominante all’Autorità Garante della Concorrenza belga, che ha aperto un’istruttoria nei confronti della Lotteria Nazionale. Il procedimento è attualmente in corso.

Andrew Liles, Managing Director del Gruppo Stanley sottolinea: “Siamo lieti di aver trovato anche in Belgio, come in numerosi altri Stati Membri ed in Italia in particolare, pieno ascolto da parte dei Giudici. La nostra vittoria belga non potrà non riflettersi anche sull’assetto delle scommesse sportive in Italia. In un contesto in cui, malgrado le discriminazioni subite da Stanley, continuano ad essere poste barriere ai nostri Ctd, in violazione delle sentenze della Corte di Giustizia e delle alte Corti Italiane, i nostri legali stanno approfondendo, alla luce degli eventi belgi, la posizione di Sisal e di Lottomatica, a cui, malgrado la titolarità di due diversi monopoli (rispettivamente, Superenalotto e Lotto) con migliaia di punti vendita sul territorio, è stato consentito di partecipare alle gare per l’attribuzione delle scommesse sportive, con distorsione evidente della concorrenza ed abuso delle loro posizioni dominanti”.

 

LA VICENDA - Nel 2010 il mercato belga delle scommesse è stato regolamentato per la prima volta, con la previsione un numero chiuso di 34 licenze. Secondo la volontà espressa del legislatore, tale numero rifletteva la dimensione dell’offerta dell’epoca, che non avrebbe dovuto espandersi ed avrebbe dovuto rimanere quantitativamente 'congelata'.

Stanleybet, operatore sul mercato belga, si era assicurato una delle 34 licenze, che erano state attribuite mediante procedure selettive ad evidenza pubblica pienamente rispettose del diritto comunitario. La Lotteria Nazionale, non presente nel mercato delle scommesse, era però fortemente radicata sul territorio, con migliaia e migliaia di punti al dettaglio per la commercializzazione dei giochi numerici e di lotteria. Con un decreto del 2012, il Governo belga ha improvvisamente introdotto nel sistema una 'trentacinquesima licenza', riservata di diritto alla Lotteria Nazionale, la quale ha quindi potuto accedere al settore.

Share