skin

Di Tolle: 'Concordato Casinò Campione, senza sì fallimento automatico'

21 settembre 2022 - 10:58

L'avvocato Marco Luigi di Tolle spiega nei dettagli che cosa significhi per gli ex dipendenti il voto al concordato del Casinò Campione d'Italia.

Scritto da Anna Maria Rengo
campionesoleestesa.jpg

Ci sono ancora 18 giorni per approvare il concordato del Casinò Campione d'Italia e se in due classi creditorie (C ossia istitutiti previdenziali e F ossia istituti di credito) la maggioranza è stata ampiamente raggiunta, superando così la massa creditoria necessaria (oltre il 50 percento) serve per legge che almeno un'altra classe dica sì: gli ex dipendenti appartenenti alla categoria A o i professionisti  della categoria D. Le altre due categorie, B e F, non votano in quanto ne fa parte il Comune di Campione, in posizione di conflitto di interesse essendo anche socio unico della Casa da gioco.
A fare il punto con Gioconews.it è l'avvocato Marco Luigi di Tolle, uno dei legali del collegio che assiste la società di gestione nell'ambito della procedura concordataria.

Gli ex dipendenti appartenenti alla categoria A approvando il concordato perdono lo status di creditori privilegiati?

“Assolutamente no. I creditori della classe A sono già annotati come creditori privilegiati e il voto favorevole non influenza questa posizione, anzi la rafforza”.

Che cosa hanno da guadagnare gli ex dipendenti approvando il concordato?

“Hanno da guadagnare nella tempistica dei pagamenti. Se il concordato non viene approvato la società fallisce un'altra volta e dunque inizia una procedura di liquidazione dei beni della società. In questo contesto, molto probabilmente l'orizzonte temporale entro il quale i creditori privilegiati riprenderanno i loro soldi (anche in caso di fallimento è infatti previsto che prendano tutto) è di almeno tre anni. Invece, approvando il concordato il casinò inizierà i pagamenti entro 60, 90 giorni dall'omologazione. Dunque, se essa avvenisse a novembre, inizio dicembre, i pagamenti potrebbero iniziare nei primi mesi del 2023. Con il fallimento non si guadagna nulla. La cifra del credito rimane la stessa ma noi gli paghiamo anche gli interessi e in una tempistica completamente diversa, molto più veloce”.

Cosa hanno invece da perdere?

“Non vedo assolutamente che cosa abbiano da perdere. Vorrei precisare un passaggio: il concordato è un contratto tra creditori e debitori, con il visto del giudice. Una volta che si raggiunge la maggioranza doppia (massa creditoria e classi) viene eseguito esattamente quello che c'è scritto nel concordato. Nel concordato già ammesso dal tribunale è previsto che i creditori privilegiati saranno pagati al 100 percento. Il vero problema è che si fallirà di nuovo 147 persone andranno a casa e non avranno più un lavoro e credo che in quella situazione la prospettiva di una riapertura diventi remota. C'è inoltre da tenere conto che le assunzioni fatte sinora dalla società sono avvenute tramite un concorso, e che ci sono delle graduatorie aperte. I primi 147 sono stati assunti, poi se casinò e società andranno bene, sono previste altre assunzioni nel corso del tempo. Invece il fallimento è liquidatorio: vendi e ripaghi i debiti, finisce così”.

Che cosa devono fare i creditori che ancora non l'hanno fatto per esprimere il loro voto favorevole o contrario?

“Tutti hanno ricevuto dai commissari nominati dai giudici la copia di una relazione sull'artività, predisposta per legge, più un elenco dei creditori dove ciascuno trova il suo nome e il suo credito, che è la cifra che pagheremo con gli interessi. Poi c'è un modulo, una scheda con scritto favorevole o contrario. Basta mettere una croce e inviarla, o basta inviare una Pec all'indirizzo del tribunale (cpc.2018como@pecconcordati.it) e il voto viene annotato dai commissari. Il mancato voto è conteggiato come no”.

Che cosa succederà se il concordato non sarà approvato? Esiste un altro scenario oltre al fallimento?

“Il fallimento è automatico. In caso di mancato raggiungimento delle soglie minime il concordato viene revocato e la società viene subito dichiarata fallita”.

Altri articoli su

Articoli correlati