Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Il gioco dopo il Covid, i lamenti del fisco britannico

  • Scritto da Michael Haile

Il Covid-19 presenta un conto assai salato all'industria mondiale del gioco, ma anche le casse pubbliche soffrono. Il caso del Regno Unito.

La pandemia di Covid-19 ha messo sottosopra il mondo intero e l'industria del gioco con vincita in denaro non fa eccezione. Le informazioni finanziarie stanno iniziando ad arrivare e forniranno un quadro più chiaro di quanto sia stato massiccio l'impatto che la pandemia ha avuto sull'industria - anche se può essere difficile determinare se questi dati sono principalmente influenzati da un'epidemia irripetibile o se sono indicativi di tendenze più ampie nel modo in cui il pubblico preferisce giocare.

Mentre il mondo inizia la sua lenta svolta dalla gestione della crisi di Covid alla ripresa e alla riapertura delle economie, ora sta diventando abbondantemente chiaro che il periodo di lockdown globale ha avuto un profondo impatto sul modo in cui le persone vivono e consumano. I nuovi comportamenti dei consumatori abbracciano tutte le aree della vita, da come lavoriamo a come acquistiamo, da come ci divertiamo e come paghiamo. Questi rapidi cambiamenti hanno importanti implicazioni per tutti i tipi di organizzazioni.

Il Covid sta trasformando le abitudini dei consumatori così rapidamente che tutti gli attori economici e sociali stanno faticando ad adeguarsi. Non è ancora del tutto chiaro se i comportamenti stanno solo attraversando una fase temporanea o le loro nuove esperienze diventeranno permanenti. Tuttavia, indipendentemente dal fatto che questi cambiamenti massicci, improvvisi e trasformativi siano temporanei o meno, queste fluttuazioni rimodelleranno i percorsi decisionali dei consumatori e le aziende dovranno adeguarsi rapidamente.
 
Questi fenomenali cambiamenti hanno creato tanti vincitori e altrettanti perdenti, ma il più grande perdente è stato lo Stato, attraverso il suo tentativo di attenuare l'impatto negativo dei lockdown e del contagio. Molti Stati hanno perso entrate fiscali quando allo stesso tempo hanno dovuto aumentare la spesa per limitare gli effetti negativi del Covid.
Un numero considerevole di Stati nel mondo sviluppato dipende dalle entrate fiscali generate dall'industria del gioco con vincita in denaro. Nel 2020/21 le entrate fiscali delle scommesse e del gioco nel Regno Unito sono state pari a 2,8 miliardi di sterline inglesi, rispetto ai 3 miliardi dell'anno precedente. Questo è approssimativamente l'equivalente di quasi il 4 percento della spesa per l'istruzione, o l'8,5 percento per la scienza o il 7 percento per i trasporti.
 
Dove vanno a finire tutti quei soldi delle tasse? È difficile rintracciare dove vanno a finire tutte queste imposte; probabilmente sono mescolate insieme nel budget annuale del governo e spese per tutto ciò per cui il governo ha bisogno di spenderle, ma sono vitali.
Hm Revenue and Customs (Hmrc), l'agenzia britannica che riscuote le tasse, ha annunciato che il gettito fiscale totale da aprile 2020 a marzo 2021 guidato dalle aziende di gioco d'azzardo è stato di 2,83 miliardi di sterline, il che è un calo di 182 milioni di sterline (6 percento) rispetto al gettito fiscale dell'anno fiscale precedente. Il fatto che l'industria sia stata ancora in grado di mettere insieme un rispettabile 2,83 miliardi di sterline di entrate fiscali è una testimonianza del potere delle industrie online e da remoto. Hmrc ha registrato un aumento del 25 percento delle entrate fiscali da Remote Gaming Duties (Rgd), un aumento di 179 milioni di sterline a 885 milioni.
Le operazioni di Rgd hanno chiaramente vinto sul periodo epidemico, ma per avere vincitori sono necessari anche perdenti e i perdenti sono state le operazioni di gioco d'azzardo terrestri. Le tasse sui casinò terrestri sono crollate di un impressionante 62 percento e anche le imposte sul gioco di persona sono diminuite del 44 percento in quel periodo di tempo.
Dei vari settori dell'industria delle scommesse e del gioco del Regno Unito, Lottery Duty (Ld) si è rivelato il più alto generatore di reddito per Hmrc, registrando entrate provvisorie di 980 milioni di sterline, in aumento di 12 milioni di sterline rispetto ai risultati 2019/2020, con un aumento dell'1 percento .
Il più grande operatore di lotterie, la National Lottery (Nl), trattiene l'1 percento del denaro che genera come profitto mentre il 4 percento va a finanziare i costi operativi. Il resto viene distribuito ai vincitori o utilizzato per finanziare cause meritevoli nel paese. Finora sono stati spesi oltre 43 miliardi di sterline per “buone cause”.
 
La distribuzione ai fondi pubblici è suddivisa per categoria e tali categorie sono le seguenti:
- Salute, istruzione, ambiente e beneficenza: 40 percento
- Sport: 20 percento
- Arti: 20 percento
- Eredità culturale: 20 percento
 
Come se la sono cavata le società di gioco? Il 2020 è stato un anno negativo per l'industria del gioco nel Regno Unito, almeno rispetto agli anni precedenti non pandemici. Le cose sono andate male per l'industria in tutto il mondo, ma anche i casinò americani sono stati colpiti duramente.
Le scommesse da remoto e online hanno rappresentato i più grandi settori dell'industria, con scommesse totali di 3,1 miliardi di sterline, pari al 52,3 percento del mercato complessivo. Ciò include tutte le scommesse online, nonché le scommesse su pista.
La National Lottery è stata la seconda più grande fonte di guadagno in termini di rendimento lordo di gioco (Ggy) a 1,6 miliardi di sterline. Le scommesse di persona sono state al terzo posto, a 629,3 milioni di sterline, con le macchine che hanno rappresentato poco meno della metà di quella cifra al 48,5 percento.
 
Questi numeri rappresentano le cifre ufficiali del Governo riportate da tutte le fonti dell'industria. Tuttavia ci sono totali più recenti che sono stati segnalati dagli operatori di casinò; questi sono principalmente casinò online, anche se sono inclusi un po' di dati terrestri. Sebbene queste siano cifre non ufficiali, possono essere utili per fornire un'idea di eventuali cambiamenti o sorprese per il 2021. Questi risultati non ufficiali arrivano sulla scia di rapporti consecutivi di gennaio e febbraio che hanno mostrato che il Ggy in tutta l'industria è diminuito del 19 percento rispetto ai mesi immediatamente precedenti.
 
Sebbene ciò possa sembrare preoccupante per l'industria in generale, va notato che i casinò terrestri erano in vari gradi di lockdown. Inoltre la durata della sessione è aumentata del 4 percento da dicembre a febbraio, indicando che il desiderio di giocare era ancora forte tra il pubblico del gioco d'azzardo. È qui che i dati degli operatori della fine del 2020 e dell'inizio del 2021 sono particolarmente preziosi. Il fatto che rapporti non ufficiali indichino che le entrate sono in calo di mese in mese mostra che la fine del 2020 potrebbe essere persino peggiore dei primi mesi, trascinando il Ggy ancora di più verso il basso
 
Il Covid-19 ha costretto alla cancellazione di diversi eventi sportivi di alto profilo, ognuno dei quali avrebbe generato una notevole quantità di entrate dalle scommesse. La Grand National Horse Race è stata un'eccezione degna di nota e le entrate generate da quell'evento mostrano l'impatto che un evento sportivo popolare può avere sull'industria del gioco d'azzardo. Si prevede che Euro 2020 e le Olimpiadi di Tokyo porteranno un flusso di entrate gradito agli operatori di scommesse.
 
Il mercato online è l'unico gioco in città? Il fatto che i lockdown abbiano impedito a molti casinò terrestri di servire i giocatori ha spinto quegli stessi giocatori verso alternative online. Secondo i dati di Google Trends, nella primavera del 2020 più persone nel Regno Unito hanno cercato online il termine "casinò" rispetto a qualsiasi altro momento registrato. Il gioco online e da remoto ha registrato una crescita significativa negli ultimi anni - fino al 20 percento in alcuni anni - ma non sono stati immuni agli effetti della pandemia. Le loro entrate sono diminuite del 6 percento in termini di Ggy – ma, ancora una volta, c'è probabilmente di più in quei numeri di quanto sembri.
 
Le slot sono di gran lunga il gioco più popolare nelle aziende online nel Regno Unito. Le slot rappresentano fino al 69,3 percento di tutto il denaro scommesso sui siti Internet, che rappresenta fino a 2,2 miliardi di sterline del Ggy totale. Anche la roulette e il blackjack sono state popolari tra i giocatori d'azzardo online, rappresentando rispettivamente il 14 percento e il 6 percento del Ggy online. Tuttavia, oltre alle slot, il bingo ha registrato la crescita maggiore, guadagnando quasi 177 milioni di sterline nel 2020.
 
Il problema è che la Uk Gambling Commission raggruppa insieme sia il gioco da remoto che quello online. Sebbene le entrate online siano quasi certamente aumentate in modo significativo, è probabile che i numeri vengano trascinati verso il basso dalle chiusure legate al Covid-19 di allibratori e altre aziende di gioco a distanza. Anche la sopra menzionata cancellazione di eventi sportivi ha avuto un grave impatto su questo.
Indipendentemente da ciò, tuttavia, sembra certamente che il gioco online non sia solo qui per restare, ma anche crescere più velocemente della sua controparte terrestre ed è da qui che arriverà la crescita delle entrate fiscali.
 
Come sarà il futuro? Il futuro rimane in mutamento a causa delle preoccupazioni sia per la frustrante persistenza del virus Covid-19 sia per l'incertezza su come il pubblico reagirà quando i lockdown saranno finalmente revocati per sempre. Tuttavia tutti i segnali indicano un'industria del gioco d'azzardo sana ma dormiente e, in tal caso, un futuro aperto dovrebbe essere molto redditizio.
Il Regno Unito è stato a lungo pieno di giocatori entusiasti e, nonostante l'impatto della pandemia di Covid-19, molti stanno ancora trovando il modo di scommettere sui loro giochi preferiti.
Per molti questo significa passare (almeno in parte) ad aziende online o da remoto, dove possono giocare in tutta comodità e sicurezza. È probabile che molti di questi scommettitori continueranno a giocare online anche dopo la revoca delle condizioni di lockdown e alcuni potrebbero scegliere di giocare esclusivamente in Internet.
Sebbene questa possa essere una cattiva notizia per i casinò terrestri, potrebbe non avere un impatto eccessivo sull'industria nel suo insieme. Le entrate di gioco d'azzardo dovrebbero continuare a crescere lentamente e costantemente e, se le aziende terrestri possono sviluppare modi per competere con le loro controparti online in termini di varietà, valore e convenienza, l'intera industria potrebbe essere sostenuta dai risultati e il fisco può solo gioire.
Share