skin

Scommesse illegali in un noleggio di Dvd, denunciato il titolare

14 dicembre 2022 - 09:48

La Guardia di finanza sequestra apparecchiature utilizzate per la raccolta abusiva di scommesse in un esercizio commerciale di noleggio di videocassette, Cd e Dvd sito in provincia di Como, per il titolare scatta la denuncia.

Scritto da Redazione
gdfcomo.jpg

Un esercizio commerciale di noleggio di videocassette, Cd e Dvd, sito in provincia di Como, che sottobanco svolgeva l’attività di raccolta abusiva di scommesse, senza essere provvisto delle previste autorizzazioni di pubblica sicurezza: lo hanno scoperto i finanzieri della Compagnia di Menaggio nel corso di un controllo economico del territorio, finalizzato alla prevenzione e repressione di fenomeni di illegalità nel settore dei giochi.
Controllo che ha portato ad appurare che "erano numerosi i clienti che, invece di giocare autonomamente le proprie scommesse attraverso il proprio conto gioco, effettuavano transazioni con il proprietario, il quale, a sua volta, procedeva ad effettuare le giocate attraverso il conto gioco intestato alla figlia", rende noto un comunicato della Guardia di finanza.

Pertanto, "i militari procedevano al sequestro di 3 computer e 2 stampanti utilizzate per l’attività di raccolta scommessa, oltre che 13 ticket vincenti, ritrovati a seguito delle ricerche all’interno dell’attività. Il proprietario dell’esercizio commerciale, invece, veniva segnalato alla Procura della Repubblica di Como, ai sensi dell’art. 88 del Tulps, in quanto sprovvisto di qualsivoglia autorizzazione, rilasciata dalla Questura, per l’esercizio dell’attività di raccolta scommesse.
A seguito degli approfondimenti attraverso le banche dati in uso alla Guardia di finanza, emergeva che, sul conto gioco in questione, erano stati fatti transitare diversi milioni di euro di giocate, a partire dal 2014. Proprio l’ingente quantità di denaro movimentata su un conto gioco intestato ad una persona fisica senza redditi dichiarati, aveva fatto scattare gli alert di rischio circa l’attività di videonoleggio effettivamente esercitata.
Resta ferma la presunzione d’innocenza del soggetto denunciato penalmente".

Altri articoli su

Articoli correlati