Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Cardia (Acadi): 'Con aumenti sui giochi a rischio gettito per lo Stato'

  • Scritto da Redazione

Il presidente di Acadi, Geronimo Cardia, punta il dito su aumenti di tassazione sui giochi, saltano gli investimenti fatti dai concessionari ed è a rischio gettito per lo Stato.

'Noi abbiano lanciato l'allarme in tutte le sedi, ormai la misura è colma. Ora si rischia il collasso del sistema''.

Lo sottolinea Geronimo Cardia, presidente di Acadi, Associazione dei concessionari di giochi pubblici, intervistato dall'Adnkronos, in merito alle nuove tasse sui giochi previste dalla manovra.

''Aumentare la pressione fiscale sul gioco non è come aumentare il prezzo delle sigarette, che finisce per pagarlo il consumatore. Qui, invece, si va a ridurre il margine sulla filiera e il sistema concessorio. Il margine di guadagno sui giochi è di 18 miliardi, di cui 10 di imposte e quindi ne restano 8 ai concessionari. Con questa nuova misura si rosicchiano altri settecento milioni l'anno. Dal 2012 ad oggi c'è stata una riduzione di 5 miliardi'', ricorda Cardia.

 

''L'Ufficio parlamentare del bilancio a maggio 2018, prima di queste nuove decisioni di tassazione, aveva indicato al Parlamento che la pressione fiscale porta al collasso del sistema. Insomma, il comparto è imbufalito. Con questi aumenti saltano tutti gli investimenti fatti dai concessionari e poi si rischia anche un calo del gettito fiscale per lo Stato'', conclude il presidente di Acadi.

 

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.