Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Smx 2015, Lai (Facebook): ‘Il gaming è la nostra quinta regione’

  • Scritto da Alessio Crisantemi
  • Published in Generale

Intervista esclusiva di Gioconews.it ad Andrea Lai, sales manager di Facebook a margine dell'SMX 2015 di Milano. 

 

 

Milano – “Il mondo del gaming rappresenta per noi un settore assolutamente interessante. E lo è a tal punto che l’azienda ha dedicato un’area specifica dedicata a questo tipo di attività”. A parlare è Andrea Lai, Sales Manager di Facebook, in un’intervista concessa a GiocoNews.it a margine dell’evento Smx2015 in corso di svolgimento a Milano. “Per rendere al meglio la centralità di questo segmento per Facebook credo sia sufficiente spiegare come gli sia stata dedicata una regione specifica. Questo significa che, tra le varie divisioni attraverso cui opera Facebook, quella dedicata all’Europa, all’America e così via, esiste una quinta regione che è proprio l’area gaming”.
GAMING MA ANCHE GAMBLING - Vietato dare numeri o stime riguardo al numero di aziende di gaming attive attraverso il Re dei social network, come pure non è possibile distinguere tra aziende di gaming o di ‘gambing’, cioè gioco con vincita in denaro: “Abbiamo sicuramente tutti i top player che operano sul mercato”, si limita a dire Lai, confermando l’interesse sul settore.
IL MARKETING SU FACEBOOK - Le strategie di marketing e comunicazione attraverso la piattaforma di Facebook e i nuovi strumenti sono stai al centro di un panel specifico all’interno di Smx 2015, che è l’evento principale a livello internazionale per quanto riguarda il Search e il Digital Marketing. Come spiega lo stesso Lai: “Abbiamo ritenuto da sempre questo evento strategico – essendo il più importante nel settore - per proporre il nostro servizio e la nostra attività e la nostra piattaforma Ads”, spiega. Spiegando come nelle strategie di Facebook non rientrino solo le grandi aziende ma anche – e soprattutto – le piccole e medie imprese. Lai spiega inoltre come oggi non si parli più “solo di Facebook ma anche di Instagram e non solo del social network e della piattaforma di comunicazione ma di uno strumento strategico per campagne di advertising per tutte le aziende”.
Adatto per rispondere alle esigenze di acquisizione clienti: “Non siamo una piattaforma di Crm (Customer Relationship Management, ndr) – precisa - ma siamo senza dubbio uno strumento prezioso per quelle aziende che hanno risorse dedicate alle attività di Crm. Siamo quindi in grado di integrare le attività di Crm garantendo quindi di massimizzare il ritorno degli investimenti delle aziende in attività di Crm”.
Il messaggio, insomma, è che “Facebook non è sostitutivo rispetto a nulla ma punta all'integrazione con gli altri mondi. Non diciamo, tanto per essere chiari, che oggi la televisione non la guarda più nessuno e non ha quindi senso di esistere. Diciamo semmai che accanto alla televisione e al ruolo che ha rivestito nel tempo, oggi ci sono milioni di persone che trascorrono il tempo su Facebook”. E oggi, peraltro, sempre più attraverso i device. Al punto che il 78 per cento delle revenue – rivela Lai - deriva oggi dal segmento mobile”.

 

 

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.