skin

Poker online: fatturato in calo nel terzo trimestre 2022 per 888-William Hill

19 ottobre 2022 - 18:55

Procede l'integrazione con William Hill dopo la combinazione delle due aziende ma nel terzo trimestre 2022 il fatturato di 888 scende.

Scritto da Gt
ottoottoottostandice.jpg

888 Holdings continua ad adeguarsi alle misure normative online nel Regno Unito e al suo ritiro temporaneo nei Paesi Bassi, con la volontà di mantenere le sue prospettive per raggiungere i suoi obiettivi entro il 2022.

Pubblicando il suo aggiornamento aziendale per il terzo trimestre dell'anno, 888 ha confermato un fatturato del gruppo di 449 milioni di sterline, in calo del 7% rispetto allo stesso periodo del 2021, quando registrò 484 milioni di sterline.

L'offerta online del gruppo, William Hill International e William Hill UK, ha registrato un calo del 10% delle entrate su base annua a 325 milioni di sterline, principalmente a causa "dell'impatto delle misure di sicurezza dei giocatori del Regno Unito e della chiusura nei Paesi Bassi".

Inoltre, 888 ha dichiarato che le entrate online, esclusi questi due territori, “dovrebbero rimanere stabili rispetto all'anno precedente".

Tra il 1 luglio e il 30 settembre, 888 ha registrato entrate online nel Regno Unito di 171 milioni, una diminuzione del 13 per cento, e con una "riduzione della spesa media per giocatore, che è diminuita del 14 per cento anno su anno dopo ulteriori misure più severe durante il terzo e quarto trimestre dell'anno precedente”.

Per quanto riguarda la chiusura dei Paesi Bassi, ciò ha rappresentato una perdita del 4% e del 6% anno su anno rispettivamente per 888 e William Hill International.

Allo stesso modo, la società ha attribuito alcuni dei risultati negativi all'Euro 2020 del 2021 e all'ondata di caldo che il Regno Unito ha subito quest'anno.

L'unità retail, d'altra parte, è stata in grado di registrare risultati positivi nonostante gli impatti stagionali, a 124 milioni di sterline.

Ad oggi, 888 ha guadagnato 1,39 miliardi di sterline di entrate, in calo del 3% rispetto alle stesse date del 2021 di 1,43 miliardi di sterline. La performance vede anche cali a due cifre delle entrate in tutte le unità online: 888 hanno registrato un calo del 10%, William Hill Online del 24% e William Hill International del 24%.

D'altra parte, 888 ha assicurato di continuare a essere fiducioso che il "modello operativo del business ampliato è appropriato per affrontare questi ostacoli a breve termine e allo stesso tempo essere in grado di sfruttare il grande potenziale del business ampliato. "

Itai Pazner, CEO di 888, ha dichiarato: “Dopo aver completato la nostra combinazione di trasformazione con William Hill, sono lieto di comunicare che durante il terzo trimestre i nostri team hanno continuato a compiere rapidi progressi nell'integrazione di queste due attività leader di mercato e altamente complementari. Questo ci ha permesso di muoverci verso il nostro nuovo modello operativo target, offrendo al contempo una serie di sinergie "quick win", che andranno a beneficio del nostro margine EBITDA rettificato per la seconda metà di quest'anno".

Quali sono le prospettive di 888 per la fine del 2022? Secondo quanto riporta Sbc, il consiglio di amministrazione di 888 ha spiegato che è probabile che le entrate del quarto trimestre superino il terzo trimestre e corrispondano alle prestazioni per lo stesso periodo nel 2021.

Inoltre, la base dei costi operativi del gruppo sarà migliorata, il che aiuterà il "margine EBITDA rettificato nella seconda metà del 2022 a soddisfare le attuali aspettative del mercato per l'intero anno".

"Guardando al futuro, rimaniamo concentrati principalmente sull'integrazione, l'esecuzione e il deleveraging di successo per sbloccare l'enorme potenziale del nostro business ampliato", ha aggiunto Pazner.

"Stiamo costruendo un gruppo più forte che sfrutterà le nostre tecnologie leader e il portafoglio di marchi di livello mondiale per creare una società di gioco e scommesse leader a livello mondiale, con piani chiari per aumentare la quota di mercato e la redditività in alcuni dei mercati più attraenti del mondo”, ha concluso.

Altri articoli su

Articoli correlati