Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Napoli, Campobasso e Vibo Valentia tre successi per BetuniQ

  • Scritto da Gt

Tre provvedimenti da tre Procure differenti, tutti accomunati dalla non legittimità sostanziale e formale dei sequestri effettuati sui Ctd BetuniQ. 


"E’ ormai quasi accertato che porre il vincolo del sequestro sui computer delle sale collegate al bookmaker estero Betuniq non porta ad alcun risultato probatorio ai fini dell’applicabilità del reato ex art 4 L.401/89. L’attività di Centro Trasmissione dati non trova infatti, nella giurisprudenza, la sperata prova dei presupposti del reato. La realtà Betuniq è ormai conosciuta e le “ampie e articolate argomentazioni proposte sono pienamente condivisibili e pertanto fatte proprie. Assenza del fumus boni juris e quindi il venir meno dei presupposti di legittimità del vincolo cautelare in essere ” portano sempre più spesso ed inevitabilmente al dissequestro di quanto posto sotto vincolo. Il Tribunale di Vibo Valentia ha disposto nei giorni scorsi il dissequestro di due Ctd legati a Betuniq sulla base di quanto su detto. Ma anche le altre Procure, dando uno sguardo complessivo su quanto avvenuto nei giorni scorsi sul territorio, non sono da meno", afferma il bookmaker in una nota.
A Campobasso il Tribunale del Riesame ha disposto il sequestro del Ctd non ravvisando specifici motivi idonei all’applicazione della misura. Dice infatti il provvedimento che “...non sussistono riferimenti ai motivi probatori specifici che rendono necessario il vincolo della cosa all’accertamento processuale.. “ (Campobasso) Ed addirittura a Napoli , il provvedimento è stato emesso successivamente alle indagini svolte in merito alla illecita attività : “ ...a seguito dell’ attività di indagine - in quanto - non appaiono sussistere ragioni probatorie idonee a giustificare la protrazione del sequestro...” (Napoli)

"L’operato degli agenti di Polizia con il sequestro, non basta a mantenere il vincolo laddove è presente la discriminazione. Un principio, questo, tra l’altro, ribadito negli ultimi giorni dalla Cassazione in merito ad un caso similare. La giurisprudenza sempre più evidenzia il diritto dei centri collegati alla BetuniQ di stare sul territorio italiano, poichè collegati a società maltese illegittimamente esclusa dall’ultimo bando di concessione , in violazione del diritto dell’Unione Europea", aggiunge il bookmaker. Di certo la questione resta aperta anche alla luce delle pronunce differenti e spesso contrastanti dei vari tribunali in materia di Ctd.

 

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.