Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Orari gioco Napoli: crollo fatturati, la parola al Consiglio di Stato

  • Scritto da Redazione

Nelle prossime ore il Consiglio di Stato si pronuncerà sulla sospensione dell'ordinanza sul gioco di Napoli chiesta da alcuni operatori delle sale bingo.

 

Al Consiglio di Stato si torna a parlare dell'ordinanza sul gioco varata dal Comune di Napoli lo scorso agosto. Alla Quinta sezione del Consiglio di Stato due operatori del bingo hanno depositato dei ricorsi che ne chiedono la sospensione, per i gravi danni economici che ne sono derivati, evidenziando un calo del fatturato del 60 percento, con forti rischi per il mantenimento degli attuali livelli occupazionali. La risposta dei giudici dovrebbe arrivare nelle prossime ore.

Già qualche settimana fa, anche gli operatori delle scommesse ippiche avevano evidenziato un forte calo della raccolta, pari a circa il 30 percento.

 

Sul fronte del Comune di Napoli, sempre in tema di ricorsi, arriva la dichiarazione dell'assessore al Lavoro e alle Attività produttive Enrico Panini a commento della decisione del Codacons di costituirsi in giudizio chiedendo al Consiglio di Stato, con atto di intervento ad opponendum, di rigettare il ricorso promosso da un gestore di una sala bingo del capoluogo partenopeo. "Viene dato in questo modo un ulteriore segnale di contrasto nella lotta al gioco d'azzardo patologico nella nostra città".

 

Si attende, in parallelo, l'esito della prosecuzione del dialogo fra amministrazione comunale ed operatori del gioco dopo la decisione dell'associazione As.Tro e del direttivo Sicon, il sindacato dei concessionari, di unire le forze per portare le proprie istanze e chiedere di modificare l'ordinanza in vigore.
 
Share