Il gioco con vincita è vietato ai minori di 18 anni e può causare dipendenza. Consulta probabilità di vincita su www.aams.gov.it
Log in

Il gioco online nell'Europa orientale

  • Scritto da Lorien Pilling
  • Published in Generale

Il progresso del gioco in internet e la sua regolamentazione nell'Europa orientale non sono stati così rapidi o di successo come previsto. In generale, in tutta la regione, ci è voluto molto più tempo di quanto ci si aspettasse per sviluppare una regolamentazione.

 

 

LA BULGARIA - La Bulgaria, un paese di sette milioni di persone e membro dell'Unione europea dal 2007, ha iniziato la revisione della sua politica sul gioco online nello stesso anno in cui ha aderito all'Ue. Tuttavia, la legge che regolava il gioco in Internet è entrata realmente in vigore solo circa cinque anni dopo, nel luglio 2012. Poi è passato un altro anno prima che gli operatori sono stati autorizzati a richiedere le licenze di gioco online. Poco prima, le autorità avevano redatto una lista nera di gioco in Internet, che comprendeva un totale di 171 siti entro l'inizio del 2014.

Poichè il gioco in internet era già abbastanza ben sviluppato nel paese prima che fosse regolamentato, con società come Sportingbet, Bwin e Betfair che si rivolgevano al mercato e facevano pubblicità, le autorità si aspettavano che gli operatori avrebbero fatto la fila per le nuove licenze locali. Ma, con alte tasse previste, le licenze non si sono dimostrate popolari. L'imposta sul gioco in Internet è stata fissata al 15% del movimentato, lo stesso delle scommesse terrestri e delle lotterie. Così, entro la fine del 2013, la licenza per il gioco online è stata concessa solo a due società: la società maltese Eurofootball Limited, che ha il monopolio delle scommesse sportive e della lotteria e il totalizzatore bulgaro Sport Totalisator, di proprietà dello Stato.

Così il governo ha deciso di rivedere ancora una volta le leggi sul gioco, una pratica impiegata ogni pochi anni. Poco prima la fine del 2013, il Parlamento bulgaro ha approvato le modifiche della legge sul gioco statale che ha ridotto l'aliquota d'imposta al 20% del Ggy (Gross Gaming Yeld). Gli effetti delle tasse minori saranno visibili nei prossimi mesi. Finora vi è solo un'altra richiesta in corso.

 

LA CROAZIA - In Croazia il gioco online ha un grande potenziale, ma la sua grandezza è limitata a causa delle barriere legislative d'ingresso. Le modifiche della legge del 2010 hanno consentito il gioco online per la prima volta, ma solo per gli operatori terrestri esistenti e per i giochi dello stesso tipo di quelli offerti nei locali terrestri (così i bookmaker possono offrire solo scommesse, i casinò solo giochi da casinò e la lotteria di stato entrambi più i giochi di lotteria, come nelle aziende reali). La legge è entrata in vigore nel 2010, quando la Croazia non era parte dell'Ue, ma con tale ingesso che c’è stato il 1° luglio 2013, l'obbligo di operazioni terrestri per i locali esistenti sembra incompatibile con la normativa dell'Ue. Il costo annuo della licenza è stabilito in 3 milioni di kune croate (circa 400.000 euro), che è tre volte superiore quello per le scommesse al dettaglio e sei volte di più di quello per un casinò.

Come risultato di tali requisiti normativi, quattro anni dopo il mercato è stato liberalizzato, solo cinque su nove bookmaker stanno utilizzando il canale Internet, inclusa la lotteria, che amministra anche le scommesse sportive. La lotteria offre anche giochi di lotteria in Internet. Non vi sono ancora operatori di giochi da casinò in Internet, anche se la Croazia ha 13 concessionari di casinò più la lotteria.

Nonostante la sua piccola popolazione di soli 4,2 milioni di abitanti, la Croazia potrebbe potenzialmente essere un mercato redditizio per gli operatori in Internet a causa dell'elevata propensione a giocare. Il bookmaker leader ha quasi il 40% del totale delle sue scommesse provenienti da internet a soli 15 mesi dal suo lancio. Alla fine del 2012, poco più di due anni dopo il lancio, le vendite della lotteria in internet della Lotteria croata rappresentavano il 5% delle vendite totali della lotteria, ma quelle in internet hanno rappresentato ben il 35% del totale delle scommesse. Ormai il principale bookmaker croato sta vedendo ben oltre il 50% del fatturato provenire da Internet. Sarebbe interessante vedere alcune statistiche sui giochi di casinò, ma finora solo la Lotteria sembra interessata a lanciare un casinò in internet, ma viene sempre rinviato.

 

IL MONTENEGRO - Un altro esempio è il Montenegro, un piccolo paese con solo 600.000 abitanti. Il Montenegro ha autorizzato il gioco in internet nel lontano 2004, uno dei primi paesi della regione a farlo. Ma la piccola dimensione del mercato insieme a una infrastruttura modesta in questo paese prevalentemente montuoso, non ha suscitato alcun interesse da parte di operatori esistenti online o terrestri. Così nel 2011 le autorità hanno deciso di modificare la legge. Ma dopo due anni di lavoro sulla nuova legge, il progetto di legge è stato abbandonato a causa della mancanza di consenso tra i vari partiti. Si è poi convenuto che sarà chiesto agli operatori di proporre la bozza iniziale della legge, che era prevista per la metà del 2013. Sulla base delle esperienze precedenti non ci aspettiamo che la nuova legge entri in vigore prima del 2015.

 

LA MACEDONIA - Anche la Macedonia ha permesso presto il gioco, ma ha deciso di andare online come centro di gioco in Internet, vietando ai possessori di licenza di rivolgersi alla popolazione locale. Nessun operatore ha richiesto la licenza, ma sono passati anni prima che le autorità decidessero di modificare la legge per dare maggiore attrattiva alle licenze.

La nuova legge, approvata nel 2011, originariamente permetteva di rivolgersi sia ai giocatori locali che stranieri, ma l'operatore doveva avere una società registrata a livello locale. La tassa di concessione è stata fissata a 50.000 euro, mentre l'imposta è stata fissata allo 0,5%.

Ma nel 2012 il governo ha approvato degli emendamenti alla legge per dare alla nuova lotteria statale i diritti esclusivi per organizzare il gioco in internet. Alla lotteria è stato permesso di offrire giochi di lotterie, casinò e scommesse sportive online. Nell'estate 2013 la lotteria ha pubblicato un bando per una partecipazione in una joint venture, che consentirà al vincitore di gestire Vlt e gioco in internet. Casinos Austria International è stata selezionata per avere una partecipazione del 49% nella joint venture, con l'obiettivo di iniziare a bloccare i siti web stranieri e offrire gioco in internet nel 1° semestre 2014.

 

LA BOSNIA ED ERZEGOVINA - Nella Bosnia ed Erzegovina etnicamente divisa, vi sono tre leggi di gioco, ognuna che governa su un'entità o un'entità de facto. Solo la Republika Srpska permette il gioco in internet. Le tasse per la licenza sono stabilite in 200 mila Bam (100.000 euro) e le licenze sono valide per cinque anni. L'imposta è fissata al 5% del Ggy e per i giochi da casinò viene pagato un altro 5% di imposta. Il primo operatore ha lanciato il gioco in internet nel gennaio 2011, composto di scommesse sportive e giochi da casinò. L'azienda gestisce anche negozi di scommesse e sale slot terrestri. Si rivolge non solo ai cittadini, ma anche ai cittadini di altri enti e di altri paesi. Si stima che solo circa il 15% dei suoi giocatori siano della Republika Srpska. Un altro bookmaker ha recentemente lanciato scommesse online, ma i giocatori devono aprire un conto e depositare denaro in un negozio di scommesse terrestre prima di poter giocare online.

 

LA SERBIA - La Serbia nel 2011 ha iniziato la stesura di una nuova legge che ha permesso anche il gioco a operatori privati. In precedenza solo alla lotteria dello stato era permesso operare online. La legge è entrata in vigore alla fine del 2011, ma le norme sub-legali sono state completate solo ad agosto del 2013, consentendo il rilascio delle licenze. La legge stabilisce le imposte a un ragionevole 5% di Ggy per le non-scommesse e al 15% di Ggy per le scommesse. A partire dall'inizio del 2014 tre bookmaker stanno offrendo scommesse in Internet, ma i giocatori sono tenuti a depositare e prelevare fondi su negozi terrestri.

Quindi, per riassumere, nei sei paesi sopra descritti, solo 12 operatori sono attivi in Internet. Poichè alcuni di questi paesi hanno avuto regolamentazioni in Internet in atto per alcuni anni, il mercato avrebbe dovuto essere ben sviluppato ormai, ma non è stato questo il caso. La Croazia è il paese più avanzato della regione quando si tratta di gioco in internet, ma gli alti costi di licenza ostacolano ancora la sua crescita. Dato che la maggior parte dell'Europa orientale ha una elevata propensione al gioco, questo potrebbe essere un mercato interessante per gli operatori stranieri che vogliono affrontare i problemi che si trova ad affrontare l'industria, in particolare quelli derivanti dai lenti cambiamenti normativi.

 

L'AUTORE - Lorien Pilling è direttore della ricerca della Gbgc

Share

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra.